Agape e solstizio

SUL SOLSTIZIO E SULL'AGAPE

I Fr:. della R:. L:. Resurrezione 144 si sono ritrovati in una Agape il giorno dell’Era Volgare 20 Dicembre 2004 per scambiarsi fraternamente gli auguri di Natale, il giorno dopo, il 21 Dicembre, ricorre il Solstizio d’ Inverno. Cio dà lo spunto ai fratelli di parlare del significato di tale ricorrenza e del significato massonico di AGAPE = banchetto rituale.
Tratto da : “i Figli della Vedova”, di Luigi Troisi, ed. Atanor.
Nel mese di Dicembre, come anche in Giugno, i Massoni si riuniscono in serena armonia attorno a un desco per celebrare degnamente le festività solstiziali.
FESTIVITA’ SOLSTIZIALE : festa che occupa il primo posto tra le solennità dell’anno massonico. Il solstizio è il simbolo della rinascita spirituale ottenuta attraverso la celebrazione dei riti di iniziazione, la sconfitta del male e delle tenebre da parte del Sole, il trionfo della Luce ( Solstizio d’Estate : 24 Giugno ). La festa è dedicata a S. Giovanni l’Evangelista perché egli “simboleggia la faccia di Giano che è rivolta verso l’Aurora e testimonia la forza creatrice e vivificante della parola”.
In un antichissimo rituale si legge : Il Sole, simbolo visibile dello spirito, si è ritirato nelle caverne del settentrione. Le giornate si sono accorciate ed allungate le notti. Il dolore è nelle nostre anime, perché il Sole è calore, vita, luce ( Solstizio d’Inverno : 21 Dicembre ). Noi, fratelli carissimi, ravvisiamo in questa rituale morte del Signore una fase dell’eterna lotta del Bene contro il Male. Ma il nostro dolore è temperato dalla certezza che il Sole, dopo la sua annuale discesa agli Inferi, risalirà allo Zenith della nostra coscienza. Così lo spirito dell’uomo, dopo aver dormito nella misteriosa tomba di Saturno, vegliato dai neri corvi della morte, risorgerà a nuova vita in un volo di bianche colombe. E’ proprio in questa fase di solitudine e di tristezza che l’Uomo deve riaffermare la propria indipendenza. Fratelli siate dunque vigili ! In tal modo contrastando il vostro stato di veglia col fecondo silenzio della Natura, giungerete a conoscere voi stessi”. In conclusione, il Solstizio d’Inverno simboleggia la porta d’accesso alla caverna, la transizione dal buio alla luce, dalla morte alla rinascita a differenza di quello estivo ( 24 Giugno ) che rappresenta l’uscita dalla caverna cosmica.
AGAPE : in tutti i tempi ed in tutte le società i pasti sono stati, con ragione, considerati come uno dei più potenti mezzi per cementare e rafforzare l’unione e l’amicizia fra gli uomini. Per alcuni popoli, poi, essi rivestivano un carattere di gravità e di solennità tale da ubbidire ad un rituale ben preciso e codificato. Anche i Greci avevano i loro banchetti sacri, i Romani i loro “lectisternia” (banchetti religiosi), gli Ebrei i loro pasti religiosi prescritti da Mosè, i primi Cristiani il loro banchetto eucaristico o pasto di carità, i Massoni le loro Agapi o pasti d’amore.
La parola Agape, infatti, nel suo significato etimologico si traduce proprio con amore. Ma non in senso di eros, naturalmente.
Il Lessing addirittura sostiene che la Massoneria derivi da “Mase” cioè “tavola” per cui i “Masonei” , cioè quello che egli considera l’antico nome della Massoneria, altro non significherebbe che una “compagnia da tavola”. Ma qui il discorso ci porterebbe troppo lontano. Tuttavia, non si può ignorare che le prime Logge storiche si riunivano nelle taverne da cui, tra l’altro, hanno ereditato i loro titoli distintivi. Così abbiamo le Logge “Alla Spada”, “Al Melo”, “All’Oca e al Girarrosto”, ecc.
Tutto ciò detto è indubbio che le Agapi Massoniche , oltre al carattere celebrativo, hanno uno scopo ed un significato. Lo scopo evidentemente è quello di stringere sempre più i legami di amicizia che uniscono tutti i membri della grande Famiglia Massonica. In realtà, a tavola scaturisce naturalmente, tra i convitati, una libertà più grande che in qualsiasi altra riunione poiché ciascuno comunica le sue idee in serena manifestazione di amicizia e fratellanza e, a poco a poco, si giunge a conoscersi e ad apprezzarsi molto meglio di quanto si è potuto fare in altre circostanze.
Giorno XX del mese X dell’anno di V:. L:. 6004.

R.:L.: Resurrezione 144 all’Oriente di Civitanova. È lo spirito che la anima.
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

TAVOLE

Simbologia

No more posts to show
R.·.L.·. RESURREZIONE 144